lunedì 19 gennaio 2015

La Creazione: parte Dodicesima.

Dio si era reso conto di aver fatto un guaio così decise di rimediare...Chiamò Noè e la sua famiglia, benedisse tutti e consigliò loro di far finta di niente, di farsi belle sc....te e di ricominciare da capo! 
" Siate fecondi, moltiplicatevi e riempite la terra!"...Tutti gli esseri viventi saranno dati in vostro potere, tutto quello che ha vita vi servirà di nutrimento, ma non mangiate la carne con il suo sangue. E di ogni essere umano che sarà ucciso ne chiederò conto,...! Noè e la sua famiglia rimasero interdetti...essere fecondi ? Moltiplicarsi? Riempire la terra...? Ma non erano certo nella forma migliore per fare tutto questo, non mangiavano da giorni, avevano dato di stomaco su quella barca, pure l'ira di Dio! E poi dopo un trauma come questo...come si poteva pensare a fare sesso!
Così si misero seduti sotto un'albero pensando da dove ricominciare, bisognava ricostruire una casa, un'orto, raccogliere gli animali da cortile e seminare, altro che sesso!! Se non sarebbero riusciti a sopravvivere loro come avrebbero fatto a riempire la terra!?
Ma Noè si ricordò che esisteva una parola chiamata Fede, a quella bisognava fare riferimento...Mentre era perso nelle sue riflessioni sentì la voce del Signore che diceva:" Io stabilirò un patto con voi e i vostri discendenti, compresi piante e animali.  Non sarete più distrutti dalle acque del Diluvio, a ricordo del patto vi regalo l'Arcobaleno, per ricordare che le acque non saranno più vostre nemiche!"
Noè restava sempre più sconvolto dalle rivelazioni fatte da Dio Padre...Non è che diceva che, non avrebbe più distrutto l'uomo e tutti gli abitanti della Terra, ma che non l'avrebbe fatto con l'Acqua! Magari con il fuoco, il terremoto, il vino...! Chissà...ma non con l'acqua !
L'Arcobaleno tra le nubi a ricordare il Patto? Ma se Lui era uno di quelli che non scordava neanche la più piccola formica, creata da lui! Questo Padre aveva momenti di poca lucidità, ma certo era anche dovuto allo stress di dover combattere con questi uomini così "colorati!"...I figli di Noè si chiamavano Sem, Cam, e Jafet , da questi tre ebbe inizio la nuova Umanità: Certo cosa ne poteva venire fuori da tre che portano dei nomi così?
Noè che era un vecchietto arzillo, la prima cosa che piantò fu' la vigna, ne fece del vino e si prese una bella sbornia. Certo dopo tutto quello che aveva passato, era comprensibile...!  Dopo aver litigato con i suoi figli perché dormiva nudo in mezzo alla tenda ( ????) visse ancora 950 anni e poi morì...nella speranza che Dio finalmente lo avrebbe fatto riposare, dandogli qualche giorno di ferie e pagandogli i contributi per il lavoro svolto...Contributi? Non era ancora il tempo...quando sarebbe stato il tempo? Da questo punto in poi la storia è avvolta da nubi...probabilmente i figli di Noè passarono tutto il loro tempo a fare sesso, riempire la terra non era un gioco da poco! Fino a quando un nuovo personaggio appare...Abramo,  questo era un tipino tutto fuoco dal forte carattere e da una vita piena, un giorno mentre se ne stava per i fatti suoi ebbe una chiamata:" Abramo...! Parti dal tuo paese lascia tutto quello che hai e vai dove io ti mostrerò!" Calma, non è che un giorno arrivi nella vita di uno e gli dici di lasciare tutto quello che ha ( era sistemato abbastanza bene, suo padre gli aveva lasciato proprietà e non è che uno può abbandonare tutto per andare in giro per il mondo, così senza una meta!) Ma poi ricordando gli insegnamenti di suo padre, abbassò la testa e ascoltò quello che Dio gli diceva:" Io farò tramite te un grande popolo, ti benedirò e renderò glorioso il tuo nome, benedirò tutti coloro che ti benediranno e maledirò tutti coloro che ti malediranno."
Allora vabbè, si disse Abramo, se questo era quello che avrebbe ricevuto in cambio, allora sarebbe partito. Era sempre stato un tipo un po' megalomane, con manie di grandezza e di potere, tutte quelle promesse fatte da Dio sulla propria grandezza gli creavano una certa emozione. Così prese moglie e nipote, con tutti i suoi beni e relativi servi, partendo felice verso la terra di Canaan, aveva 75 anni ( tutti giovani sti' prescelti...!) Ma appena poco tempo dopo, giunto in questa terra, ci fu' una grande carestia...( Dio mio ma dove mia hai mandato?) Così si spostò ancora, fino ad arrivare in Egitto...
E qui' sarebbe nata una storia...ma una storia...! Che... ve' la racconto la prossima volta....!

Nessun commento:

Posta un commento