sabato 8 giugno 2013

La Creazione ( parte Ottava)

Nel Paradiso Terrestre la situazione era in un momento di grande nervosismo, Dio guardava i propri figli che si scontravano tra di loro, non manifestando affatto l'amore Divino, che il Padre aveva inculcato nelle loro anime.Caino era molto arrabbiato con suo fratello perché non voleva essere vegetariano ed offriva a Dio, continuamente carne alla brace, riuscendo a comprarsi le sua benevolenza. Mentre lui con le sue carote e insalate, non otteneva un fico secco ( forse erano i fichi che doveva offrire?...No! Non credo si diceva...Gesù il figlio del Capo, in seguito avrebbe maledetto quel frutto...e quindi come poteva essere il preferito di suo Padre)...Così facendo avanti e indietro, chiamò suo fratello e gli disse che doveva andare con lui nei campi, ma Abele che non amava le verdure diceva che non gli andava ...e che poi doveva squartare capretti e pecore per il Signore e non poteva perdere tempo dietro alle sue cretinate. Caino pensava che suo fratello sicuramente non era un'animalista, ma se faceva del male a tanti animaletti indifesi come poteva essere il preferito di Dio. Non ci si raccapezzava più...Abele pur lamentandosi andò con il fratello in campagna, sperando di levargli dalla mente questo fatto dell'agricoltura biologica, che non portava risultati economici e neanche di consenso da parte dell'autorità e del potere.Ma appena giunti nei campi Caino prese in tortore ( manganello in Italiano) e diede un botta in testa al fratello, lasciandolo steso in terra. Ma poi avendo paura che qualcuno se ne accorgesse ( visto che gli abitanti del Paradiso erano quattro gatti, poteva accadere) e lo nascose dietro una fratta. Ma Dio che è Onnipotente e Onnipresente, si accorse subito che qualcuno mancava all'appello e chiese a Caino dove fosse suo fratello, ma Caino che era sempre stato un ragazzo sveglio ( sarà perché mangiava spesso frutta e verdura) disse al padre che lui non era il guardiano di suo fratello.  Ma Dio rispose che lui aveva combinato un guaio, il sangue di suo fratello gridava dalla terra ( Possibile che questa terra oltre ad essere dura da lavorare, faceva anche la spia? ). Così Dio che quando si trattava di fare predicozzi dava sempre il meglio, gli disse che sarebbe stato maledetto per questo e che la terra non gli avrebbe dato più frutti, sarebbe stato  fuggiasco e avrebbe girato  per il mondo. Caino pensò che forse aveva trovato il modo per uscire da quel luogo, che gli era stato sempre stretto, lui era nato per essere libero, se lo sapeva lo avrebbe fatto prima...Ma poi nel suo cuore , in fondo era un buono, si disse che non poteva sopportare quello che aveva fatto, in fondo era sempre suo fratello, anche se con questa mania, quasi una perversione direi, di uccidere gli animali. Si rivolse al Signore dicendogli che quello che aveva fatto era troppo grave, che ogni persona che lo avrebbe incontrato avrebbe desiderato di ucciderlo ( quali persone? Se erano solo loro? ) Ma Dio che era Misericordioso, gli disse che chiunque avesse ucciso Caino sarebbe stato punito sette volte tanto. Poi il Signore che aveva la mania di fare un tatuaggio su tutto quello che gli apparteneva, ne fece uno anche su Caino, perché nessuno lo uccidesse.

Da questo nacque il disdegno delle persone per bene e di potere per coloro che hanno i tatuaggi, sono tutti brutti sporchi e cattivi e anche  pirati ( questo ancora dopo )...Non mischiamo le storie, che già è complicata così. Caino si allontanò dal Paradiso e fondò   una città che si chiamava Enoc (come suo figlio). Suo figlio Enoc fece Irad, e poi Maviael che generò Matusael, da cui nacque Lamec che ebbe due mogli Ada e Sella. La prima ebbe un figlio di nome Jabael  che fu il padre di coloro che vivono sotto le tende ( campeggiatori?) e sono possessori di animali ( possessori in che senso?).Suo fratello invece di nome Jubal, fu il padre di coloro che suonano la cetra e la zampogna ( musicisti, insomma!) Sella invece ebbe un figlio di nome Tubalcain, costruttore di ogni arnese in rame o ferro ( fabbro...in parole semplici) Sorella di Yubalcain fu Noema... ( Ho sempre avuto l'impressione che gli uomini con i tatuaggi, quelli brutti ,sporchi e cattivi, fossero più attivi sessualmente!! A scusate questa è una voce fuori campo...) Poi anticamente si usava elencare tutti i figli dei figli, ma l'Arcangelo Michele disse che non era il caso perché la discendenza di Adamo era stata veramente numerosa, si rischiava di non finirla più. Mentre Adamo e famiglia, si davano un gran da fare ( scopavano come ricci!) gli uomini si erano moltiplicati sulla terra, il Paradiso era stato chiuso e i figli di Dio si erano presi in moglie le figlie degli uomini ( l'erba del vicino è sempre più verde!) O solo perché erano sessualmente attive e creative!! Dio vedendo tutto questo caos dove il sesso la faceva da padrone, disse che il suo spirito non sarebbe rimasto nell'uomo per sempre, perché questo essere era solo carne e che quindi sarebbe morto a 120 anni ( ma quando! Se arriviamo a 60 anni è grasso che cola! Non mi ricordo mai che la voce fuori campo non può intromettersi sempre nel racconto!)  In quel tempo sulla terra esistevano i giganti, ( si erano mischiati gli Angeli con le donne, questi sono i risultati quando si mischiano specie diverse. Anzi che non gli erano venute pure le ali!) Questi giganti erano tutti gli eroi dell'antichità...Dio che guardava la terra stupito di quello che stava accadendo, decise di punire questi uomini che pensavano solo a cose malvagie , aveva sbagliato a creare questo essere ( sbagliato? Era una parola che non riusciva a pronunciare bene...faceva fatica) . Una mattina che si era alzato veramente di traverso, decise di sterminare l'uomo, con lui tutti gli animali e le donne..Queste donne che da quando le aveva create, avevano combinato un sacco di guai...Chi dice donna dice danno...anche il Proverbio lo dice! Ma guardando e cercando tra gli uomini vide che un vecchio con una lunga barba, era meritevole di essere salvato e con lui tutta la sua famiglia ( ogni padre ha i suoi favoriti!)  Noè era una brava persona, che seguiva gli insegnamenti del Padre (Dio non ti sembra di percorrere una strada già percorsa? I più buoni non sempre sono i migliori...ma è vero di questo se ne sarebbe accorto Gesù, suo padre era un uomo di quelli all'antica...dove quello che segue le orme paterne e sempre il più buono !)Quest'uomo di sani principi generò tre figli- Sem,Cam,Jafet . Dio guardava la terra che era piena di violenza e sesso, corrotta davanti a suoi occhi ...Così chiamò Noè e gli disse che gli doveva parlare di un progetto che aveva in mente, che poteva capovolgere la faccia della terra, cambiare i suoi connotati...Noè avvertiva che c'era qualcosa di strano nell'aria...Vuoi vedere che Dio mi vuole mettere in mezzo a nu guaio? Arrivò d'avanti al Padre e si mise con la faccia a terra e sentì una voce tuonante che diceva :" La fine di ogni mortale è dinnanzi a me, perché la terra è piena di violenza per causa loro, ecco io li sterminerò con tutta la terra!" Noè non riusciva a credere alle proprie orecchie! Ma che questo Dio fosse impazzito?! Ma la regola era che gli ordini del Padre non si potevano discutere...Così in silenzio si mise seduto per ascoltare l'idea in ogni particolare...questo Dio non era così buono come si diceva in giro...

Nessun commento:

Posta un commento